Siamo insoddisfatti del nostro rapporto di coppia ma non troviamo il coraggio di dire basta? Non riusciamo ad accettare la fine di una relazione? E che cosa hanno in comune queste situazioni? Mi capita spesso di notare quanto sia diffusa tra le persone l’ aspettativa che l’ altro, con la sua vicinanza, possa finalmente colmare un vuoto esistenziale ed affettivo che, altrimenti, non si saprebbe come riempire. Non è raro ascoltare racconti di persone che trascorrono la loro vita sperando di trovare il partner che darà loro felicità e realizzazione, e che poi purtroppo, si ritrovano a fare i conti con cocenti delusioni.

La felicità e la realizzazione personale fanno parte dei NOSTRI obiettivi e desideri e il loro raggiungimento dipende soprattutto da noi. Il ruolo che un rapporto sentimentale dovrebbe avere nella nostra vita è altro. Condivisione, sostegno reciproco, equilibrio tra dare e ricevere…
Ma non sempre abbiamo accanto una persona disposta ad ascoltare e sostenerci. Cosa ne è di noi in questi casi? Ci blocchiamo e viviamo la nostra vita solo a metà?
Non restiamo ad aspettare di trovare nel partner “l’ altra metà della mela” ma impegniamoci ad essere noi stessi “una mela intera“! Essere felici in due è possibile ma innanzitutto bisogna imparare ad essere felici da soli.

E quando realizziamo che quel che stiamo vivendo non è proprio quel che speravamo per noi, dobbiamo trovare il coraggio di mettere un punto. Porre fine ad una relazione non è semplice. La fine di un rapporto genera insicurezza e paura. Paura del nuovo, paura di riporre fiducia in un’ altra persona e timore che si possa ripetere la stessa storia e la stessa sofferenza. Affrontiamo questa paura di crescere, di maturare ed evolvere. Se non ci riusciamo da soli, chiediamo aiuto
Provare dolore fa parte del gioco ma sarà per noi motivo di trasformazione perchè ci aiuterà a capire ciò che non vogliamo più per la vostra vita.
Offriamo a noi stessi una nuova possibilità ma facciamo attenzione a non portare il nostro bagaglio emotivo negativo nel nuovo rapporto ed a non depositare sul nuovo partner la sofferenza e la frustrazione di relazioni passate. 

Cominciamo una nuova storia. Stavolta i personaggi sono diversi e il risultato dipende molto anche da noi.

Dott.ssa Caterina Di Palma