Per stare bene con se stessi e vivere sereni è importante considerare diversi aspetti, iniziando col migliorare la conoscenza della nostra persona e rivedendo il modo con cui ci approcciamo alla vita. Ecco alcuni utili accorgimenti da adottare 😉 

Allontaniamo da noi il pensiero “tutto o niente”
Il cosiddetto “tutto o niente” è un pensiero che può crearci più danni che benefici in quanto ci obbliga ad un aut aut che limita le nostre possibilità: “o avrò successo o non valgo niente”, “o lo faccio bene o non lo faccio” ecc. In poche parole ci pone davanti ad un bivio: o siamo perfetti o siamo un fallimento. E’ un pensiero che non ammette errori, generando nella persona ansia e frustrazione. Eppure la nostra crescita si realizza soprattutto con la possibilità di fare errori e considerando anche quel “grigio” che il pensiero dicotomico non contempla.

Smettiamo di confrontare la nostra vita con quella mostrata dagli altri sui social media
Il confronto con gli altri è un comportamento piuttosto comune. Ma attenzione a quando lo facciamo osservando gli altri attraverso i social media. Ricordiamoci che sui social le persone mostrano il lato “bello” della loro vita piuttosto che i momenti no. Questo potrebbe indurci a pensare che la nostra vita non sia altrettanto serena o interessante, con un impatto negativo sulla nostra autostima.

Mettiamo i “paletti”
I cosiddetti paletti sono il modo con cui indichiamo agli altri come trattarci e fin dove possono spingersi con noi. In assenza di confini chiari permettiamo agli altri di andare oltre e qualche volta di camminarci sopra. Un’esperienza non proprio piacevole! 😥 Quando stabiliamo dei confini segnaliamo al mondo che teniamo alla nostra persona, che c’è un limite alle pretese che gli altri possono avere su di noi e che sappiamo dire di no per far valere i nostri bisogni e desideri. Ti senti in colpa al pensiero di dire di no? In tal caso ricorda a te stesso il momento in cui hai scelto di stabilire i tuoi limiti e perché lo hai fatto. E’ ora di vivere la tua vita secondo le tue regole e difendere con calma e fermezza i tuoi confini!

Perfezionismo? No grazie!
Ognuno di noi per realizzarsi si pone degli obiettivi. Talvolta però risultano difficili da raggiungere perché sono molto più elevati delle risorse di cui disponiamo, generando una sensazione di fallimento e svalutazione personale. Indipendentemente dalla meta che abbiamo in mente (es.pio essere il capo o il partner perfetto, avere la casa, il corpo o i figli perfetti…) il perfezionismo può ritorcersi contro di noi e avere pesanti implicazioni in termini di stress e autostima. Piuttosto che usare le nostre energie per raggiungere ad ogni costo la perfezione, impieghiamole per progredire cercando nuove opportunità di crescita.

Dott.ssa Caterina Di Palma